Benvenuto RICCIO PIPPO

 Ecco un altro “Giovedì speciale alla Calastri”.

Il 24 ottobre, con la drammatizzazione della storia del Riccio Pippo, il personaggio che ci accompagnerà in questa prima parte dell’anno scolastico, ha preso avvio il progetto “ ECOGIOCHIAMO”: il grande contenitore all'interno del quale ques'anno i bambini e le bambine della Calastri vivranno variegate esperienze .

Il riccio Pippo ci aiuterà a scoprire il mondo intorno a noi, a comprenderne il valore  e ad imparare comportamenti adeguati per la salvaguardia dell’ambiente.

   Ecco come lo raccontano i bambini:

Federico: Teo e Gaia erano al parco a fare il pic-nic

Christian: erano andati in bicicletta

Marco: hanno mangiato il kinder e le patatine

Noemi : c’era la lattina

Salvatore : Gaia e Teo hanno buttato le cartacce per terra

Gregorio: nooo nooo non si fa, non si fa! 

Achille : il riccio aveva mal di pancia perché i bambini non hanno buttato le carte nella spazzatura

Sofia : le carte non si buttano per terra si buttano  nella spazzatura

Nicholas: lo sai…si buttano nella spazzatura…le carte

Matilde : non si butta la carta la carta per terra perché la natura soffre

Karoline: una volta ho sbagliato e ho buttato la carta per terra, però per sbaglio e dopo l’ho raccolta e messa nel cestino

Lorenzo: anche la cacca del cane si raccoglie, perché i bambini la schiacciano e poi scivolano

Brandon: il Riccio Pippo ha mangiato la spazzatura…

Kathleen : …e ora ha mal di pancia

Manuel D.: deve andare dal dottore

Luca: i bambini non dovevano buttare la carta per terra, i loro genitori li sgridano

Manuel : il riccio ci ha fatto vedere “i colori della pattumiera”

Ginevra: c’era il bidone nero, verde, bianco, marrone e azzurro

Claudia: nel cestino nero buttiamo i fazzoletti sporchi

Benny : nella scatola grande noi buttiamo i disegni e i pezzetti di carta